Asl di Milano: concorso 1 posto per diplomati di assistente amministrativo

E’ indetto concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di un posto di categoria C – assistente amministrativo.

Il termine per la presentazione delle domande, redatte su carta semplice e corredate dai documenti prescritti, scade il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica.

 

Il testo integrale del bando, con l’indicazione dei requisiti e delle modalita’ di partecipazione all’avviso, e’ stato pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia n. 18 – S.I. Concorsi del 5 maggio 2010.

Pubblichiamo uno stralcio del bando di concorso al fine di agevolare una lettura veloce dei requisiti, per una completa e corretta consultazione si rinvia al sito ufficiale.

Alla predetta categoria e` attribuito il trattamento giuridico ed economico previsto dalle disposizioni legislative nonche´ dal vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro – comparto sanita` .

Saranno inoltre concesse l’indennita` integrativa speciale e le quote aggiunta di famiglia spettanti a norma di legge, nonche´ eventuali indennita` accessorie previste dal citato CCNL – comparto sanita` .

La presente selezione e` disciplinata dalle norme al d.P.R. 20 dicembre 1979 n. 761, al d.P.R. 27 marzo 2001 n. 220, alla legge 20 maggio 1987 n. 207, al d.P.R. 9 maggio 1994 n. 487, alla legge 127/97 e successive integrazioni e modificazioni ed al d.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, alla legge 12 marzo 1999 n. 68, d.lgs. 8 maggio 2001 n. 215 e al vigente CCNL del personale del comparto sanita` .

Requisiti generali per l’ammissione Per l’ammissione al concorso sono prescritti i seguenti requisiti:

a) cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione Europea;

b) idoneita` fisica all’impiego. L’accertamento dell’idoneita` fisica all’impiego – con l’osservanza delle norme in tema di categorie protette – e` effettuato a cura dell’Azienda Sanitaria Locale, prima dell’immissione in servizio.

Il personale dipendente da pubbliche amministrazioni ed il personale dipendente dagli istituti, ospedali ed enti di cui agli artt. 25 e 26 comma 1, del d.P.R. 20 dicembre 1979, n. 761, e` dispensato dalla visita medica. La partecipazione al presente concorso non e` soggetta ai limiti di eta` , ai sensi dei commi 6 e 7 dell’art. 3 della legge 15 maggio 1997 n. 127, fatto salvo il limite previsto per il collocamento a riposo d’ufficio. Non possono accedere agli impieghi coloro che siano esclusi dall’elettorato attivo e coloro che siano destituiti o dispensati dall’impiego presso pubbliche amministrazioni per avere conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidita` non sanabile.

Quali requisiti specifici si indicano:

a) diploma di istruzione secondaria di secondo grado.

I requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito dal presente bando per la presentazione delle domande di ammissione al concorso. Presentazione delle domande, modalita` e termini La domanda di ammissione al concorso, redatta su carta libera (legge 370/88) e indirizzata al direttore generale dell’ASL di Milano – corso Italia, 19 – 20122 Milano – deve pervenire entro il perentorio termine delle ore 12.00 del 30º giorno dalla data di pubblicazione dell’estratto del bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica.

Qualora detto giorno sia festivo, il termine e` prorogato alla stessa ora del primo giorno successivo non festivo. L’ASL di Milano declina ogni responsabilita` per eventuale smarrimento della domanda o dei documenti spediti a mezzo servizio postale con modalita` ordinarie e per il caso di dispersione di comunicazioni dovute all’inesatta indicazione del recapito da parte del candidato.

Per le domande inoltrate a mezzo servizio postale, la data di spedizione e` comprovata dal timbro a data dell’ufficio postale accettante. Non verranno comunque ammessi i concorrenti le cui domande, ancorche´ spedite in tempo utile a mezzo servizio postale, pervengano all’Azienda trascorsi oltre 15 giorni dalla scadenza del bando. Nella domanda di ammissione al concorso il candidato dovra` indicare sotto la sua responsabilita` :

a) il cognome, il nome, la data e il luogo di nascita, la residenza;

b) il possesso della cittadinanza italiana o equivalente;

c) il comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

d) le eventuali condanne penali riportate;

e) il possesso dei titoli di studio e dei requisiti specifici di ammissione richiesti dal presente bando;

f) la posizione nei riguardi degli obblighi militari;

g) i servizi prestati presso pubbliche amministrazioni e le eventuali cause di cessazione di precedenti rapporti di pubblico impiego;

h) conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche piu` diffuse e di almeno una lingua straniera

i) il domicilio e l’eventuale recapito telefonico presso il quale deve essere fatta, ad ogni effetto, ogni necessaria comunicazione;

l) nella certificazione relativa ai servizi deve essere attestato se ricorrano o meno le condizioni di cui all’ultimo comma dell’art. 46 del d.P.R. 20 dicembre 1979, n. 761.

 

La domanda dovra` essere sottoscritta in originale, pena l’inammissibilita` dell’aspirante (alla luce della giurisprudenza in materia).

Chiunque abbia titolo a riserva di posti deve dichiararne dettagliatamente nella domanda i requisiti e le condizioni utili di cui sia in possesso, allegando alla domanda stessa i documenti probatori. Alla domanda di partecipazione al concorso, redatta su carta semplice, i candidati devono allegare la documentazione attestante il possesso dei requisiti di cui alle lettere e), g) nonche´ tutte le certificazioni relative ai titoli che ritengono opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della formazione della graduatoria, ivi compreso un curriculum formativo e professionale redatto su carta semplice, datato e firmato in originale dal concorrente, che non puo` avere valore di autocertificazione.

Il curriculum vitæ formativo e professionale ha unicamente scopo informativo e non puo` mai avere valore di autocertificazione.

I titoli devono essere prodotti in originale o in copia legale o autenticata ai sensi di legge, ovvero autocertificati nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente. Ai fini dell’ammissibilita` del candidato alla procedura selettiva e della valutazione dei titoli, chi intende avvalersi dell’autocertificazione deve produrre copia fotostatica non autenticata dei titoli e delle pubblicazioni, accompagnati da apposita «dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorieta`» (art. 47, d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) e allegare fotocopia del documento d’identita` . In luogo alle certificazioni rilasciate dall’autorita` competente, il candidato puo` presentare dichiarazioni sostitutive e, piu` precisamente: – dichiarazione sostitutiva di certificazione: art. 46 d.P.R. 445 del 28 dicembre 2000 (stato di famiglia, iscrizione all’albo professionale, possesso del titolo di studio, di specializzazione, di abilitazione); – dichiarazione sostitutiva di atto di notorieta` : per tutti gli stati, fatti e qualita` personali non compresi nell’elenco di cui all’art. 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 (attivita` di servizio, borse di studio, incarichi libero-professionali, docenze, conformita` agli originali di copie…).

Gli attestati di partecipazione a corsi, seminari, le pubblicazioni, le comunicazioni a convegni, gli abstract, dovranno essere obbligatoriamente allegati in fotocopie unitamente alla dichiarazione sostitutiva di atto di notorieta` attestante la conformita` all’originale.

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorieta` deve essere sottoscritta personalmente dall’interessato dinnanzi al funzionario competente a ricevere la documentazione, ovvero puo` essere spedita per posta o consegnata da tezi unitamente a fotocopia semplice di docuemento di identita` personale del sottoscrittore; – le dichiarazioni sostitutive e le autocertificazioni verranno accettate solo se redatte con specifica indicazione dei riferimenti di legge e dell’assunzione di responsabilita` delle dichiarazioni rese; – la dichiarazione resa dal candidato, in quanto sostitutiva a tutti gli effetti della certificazione, deve contenere tutti gli elementi necessari alla valutazione del titolo che si intende produrre; l’omissione anche di un solo elemento comporta la non valutazione del titolo autocertificato. Con particolare riferimento al servizio prestato, la dichiarazione sostitutiva di atto di notorieta` deve contenere l’esatta denominazione dell’ente, la qualifica, il tipo di rapporto di lavoro (a tempo pieno, a tempo definito, a tempo parziale), le date di inizio e di conclusione del servizio (gg/mese/anno), nonche´ le eventuali interruzioni (aspettative, sospensioni, ecc. …) e quant’altro necessario per valutare il servizio stesso; – in caso di accertamento di indicazioni non rispondenti a veridicita` , ai sensi dell’art. 75 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere; – le pubblicazioni devono essere edite a stampa. Non e` ammessa la produzione di documenti e pubblicazioni dopo la scadenza del termine utile per la presentazione delle domande. Non si terra` conto dei titoli che non siano chiaramente identificabili, nonche´ dei titoli che il candidato abbia solo dichiarato di possedere senza produrli entro il termine suindicato. Saranno valutati esclusivamente i servizi le cui attestazioni siano rilasciate dal legale rappresentante dell’ente presso cui gli stessi sono prestati. Nella domanda di ammissione all’avviso, l’aspirante deve indicare

Asl di Milano: concorso 1 posto per diplomati di assistente amministrativoultima modifica: 2010-05-19T14:09:00+02:00da galaxia183
Reposta per primo quest’articolo